18 gennaio 2010

Di quale fame siete, fratelli?
Da quale fame venite?
Quale, tale inquietudine che qui vi riconosce,
parenti, nell'attimo della salita?

Un attimo è un cambio di direzione,
l'appoggio sul tallone
e l'oro della sincera vita degli occhi
che acceca il rosso delle notti.

Di quale fame siete?
Da quale, benedetta maledetta, fame venite?
La vita è per noi davvero solo questa illusione? la reale
è conta di ore, da organizzare
orchestrando sinfonie...

Ma ci serve mentire per dire
parole sentite.
Quale sacra maledizione è questa fame
che perdura:
inquietudine, che si fa moltitudine.

Nessun commento:

Informazioni personali

Lettori fissi