12 aprile 2011

questa grande speranza

Ho cercato la rabbia, o forse la rabbia ha voluto arrivare a me, adesso così disgraziatamente arrabbiata come non lo sono stata mai sento in me ruggire, e un urlo salmodiante implora di uscire, di farsi preghiera osservazione di un'intera generazione, rapita, tenuta ad ostaggio, e ancora sopita, giustamente sacrosantamente non violenta, forse un pò imbambolata, ma bellissima, come forse non ce ne saranno mai.
noi. si, siamo solo noi.e per davvero.
e devo dire, lo sento ormai, che ci hanno sparato al cuore, alle gambe, ci hanno intimato di andarcene, e ci hanno lasciato andare via solo a metà, senza davvero darci una meta.
ci hanno violentato il futuro, impedendoci qualsiasi mistero.
dobbiamo forgiarci di nuovo e da capo, una fierezza, una bellezza, un ethos che sa di dignità, una coperta che ci faccia da rifugio.
un'intimità, ora completamente esposta.
dobbiamo ritrovare l'umanità, o forse soltanto salvare quella rimasta.
una storia, collettiva che ci riguardi, riguardi questi anni del niente, dell'inconcludenza, della noia, della finestra lasciata aperta sul baratro e i suoi miasmi, dov'è?
di questo forse dovranno rendere conto i miei giorni, di cosa potevo fare e non ho fatto, di cosa urlano i miei 27 anni insieme con quelli di tanti altri giovani adulti, incastrati nella società di mezzo.
di quale rivoluzione non abbiamo avuto coraggio, forza, visionarietà, di quale strana mancanza di orizzonti futuri. eppure anche di quale grande saggezza antica celasse lo sguardo dei tanti precari piegati e sorridenti, sempre un pò meno giovani, sempre un pò meno acneici sorridenti.sempre un pò meno.
ma mai davvero contro questo sistema che ci vuole pronti a tutto tanto a casa abbiamo ciò che ci serve, la paghetta, in fondo il nostro è solo un gioco no? non era così play again game over, in fondo noi possiamo solo giocare, non dobbiamo far altro che giocare e possibilmente spendere. nient'altro please.
e intanto si rubano la vita, la nostra.

basta.
ci vuole una grazia, ci vuole un canto, ci vuole una presenza, che si faccia speranza.
possibilità di prospettiva, futuro...
dove?

Nessun commento:

Informazioni personali

Lettori fissi