3 agosto 2015

Questioni aperte


"l'ozio come un altro modo di far esperienza del tempo e l'azione oziosa come una nuova maniera di esplorare un presente che è durata, che è possibile ed evento."

"la misura dell'arte duchampiana non è la "bellezza", ma la "disposizione ad agire" per la trasformazione della soggettività."

"dall'azione oziosa non deriva un'estetica, ma una pragmatica esistenziale."


Nessun commento:

Informazioni personali

Lettori fissi