4 giugno 2008

vedere




la verità sta nel palpitare e non nell'astrazione, sta nella smania di comprendere e di vivere ogni cosa fino a consumarla di luce, uno sguardo onnivoro che bramando si acceca, si potenzia nell'annullamento del suo volere...
Tiresia: il cieco è veggente!
si ma non vede niente, è assente alla vita e allora si ritorna ad un'astrazione, un modello, una precomprensione...
forse...
sto circuitando tra i saliscendi di visione e sua impossibilità.
L'aquila mira il sole e sostiene lo sguardo, noi vediamo una palla di fuoco poi è nero baratro di un pozzo, frustrazione impotente.
Eppure non è vero che non si vede niente...

Nessun commento:

Informazioni personali

Lettori fissi