3 luglio 2008

nell'alibi...

chiedi:

Secondo voi a cosa serve vivere?????
E soprattutto a cosa serve vivere quando spesso si deve lottare col dolore?


e io, senza appello al fuori di me, non so risponderti. dovrei forse, ma non so.
noi ci stiamo in mezzo a questo andirivieni incostante, fatto di curve, dubbi giravolte, burroni.
insensati burroni, dolori tremendi al limite dell'accettabile quelli che non ti uccidono e ti rendono più forte, sì ma in fondo ti segnano e sei più distante, dal flusso e da questo infinito guaire.
sì vive e si soffre... da giovani però si vuole succhiare il siero, noi vogliamo capire tutto, anche il male; per questo si scrive magari, ci si ostina a parole a spiegare, a dare un filo al dolore, a definire motivazioni grandi macchinazioni, ma è soltanto alibi.
si sa. però ci si sta aggrappati, come ad un filo sul burrone, perchè è tutto quello che abbiamo: la vita, con tutto il suo dolore, il suo mistero gramo, scarno eppure ricco di splendore... è questo filo dolente che pure si oppone al nulla, al caos, ad una disfatta eterna.
vivere è lottare, al di là delle macellazioni terribili della natura, è lottare contro il nulla, il silenzio di una quiete disperata.
vivere è resistere, è opporre una forma al nulla dilagante.
è vibrare di vento nel deserto di una fauce oscura che comunque divora.
perchè ogni vita ha la sua falce pronta, come la dolce luna in cielo occhieggiando lo ricorda.
la dolce luna, un sogno, il sonno. la quiete che bramiamo.
in fondo è con lei che combattiamo.
allora adesso, che comunque nell'alibi spendo parole, ti dico è una danza la vita, poi si muore.
è una musica insistente, è il movimento prima di un "niente".
bellissimo, divino ardire.
poi ogni tanto coincidenze mi dicono anche dell'altro come di un progetto troppo alto, la parola della Fede che ti è donata, quella di un amore unico e assorto, che se vuoi comprendere disperdi, e allora poi Lo cerchi...
Ma in sè la vita, mi appare una bellezza inesausta che si prodiga sul baratro: come un divino bellissimo estremo ozioso fragile minimo resistere...

MERAVIGLIOSO!

1 commento:

Anonimo ha detto...

..e resistere è intrappolato dal suo esistere..
splendida!
ske

Informazioni personali

Lettori fissi