28 febbraio 2008

perdona

smetterla di crederlo possibile
è facile in questa infausta
ritrosia di vivere.

ma io spero
non più con cuore
o con coraggio acceso

ma con i talloni
tonfo sordo esterrefatto
di essere perso migrante.


perchè questo arrancare?
vedere una frase su di un muro un guru vero saggio metropolitano scrive chi dubita di poter volare perde la capacità di farlo: I-v-a-n
ma chi lo hai mai dubitato chiedo io... cos'è questo sfracellamento al suolo?
me ne dolgo se ho offeso
se non ho difeso strenuamente, anche se ingenuamente credevo di farlo...
non so cos'ho sbagliato, chi non ho considerato.
ma questo arrancare fa male,
perdona il mio dolore.
stanco.
esausto.
muto.
che non giunge fino a te, quando è l'unica cosa che deve, che chiede


limina materia
peso inconsistente
vagare alacremente
morire e poi chissà

lumina favella
dirti è la tua stella
credere veramente
eppure poi chissà

limina materia
muro contro tendine
stare sopra un credere
morire o no chissà

lumina favella
la notte ha la sua stella
tu sogna ma poi veglia
riuscire o no chissà

Nessun commento:

Informazioni personali

Lettori fissi