13 maggio 2008

il tutto_niente



Siamo noi i custodi di un’attesa, noi che esitiamo che aspiriamo, ad un domani più vago.

Alture insormontabili spalancano i nostri occhi, e a sera pesa l’ingordigia di una visione. Siamo noi che attendiamo un segno al di là dalle nubi, sopra la montagna, rocciosa e dura, masso che sfida la nostra umile voce.

Ma custodiamo un segreto, sotteso nelle pieghe della rivolta, volontà accesa di non contesa.

Custodiamo la possibilità, l’ardore a venire della nostra fiacchezza, le membra spossate dell’infinita possibilità, il dolore lancinante dell’impossibilità stessa.

Custodiamo il venire, il passato e il già venuto custodi di un sogno mai nato.

Ma stato, essente, vivente, con noi nell’attesa del tutto-niente.

1 commento:

Anonimo ha detto...

...quante stanze in questa casa di klee..non potevi scegliere immagine migliore!e le parole...bhe..le ho abitate nel tempo della lettura e del vivere quotidiano.bacio!ske

Informazioni personali

Lettori fissi